Home / Blog / Social media / Facebook: presto sarà a pagamento?

Facebook: presto sarà a pagamento?

Social media

Vi avranno sempre detto che l’attenzione ai dettagli è una peculiarità importante per cogliere le novità ed i cambiamenti di tutto quello che ci circonda. Ragion per cui sfidiamo tutti gli utenti, che passano ore ed ore su Facebook, ad aver colto la vera rivoluzione del social network più famoso al mondo.

Facciamo un passo indietro.
Fin dalla sua nascita, la pagina iniziale di Facebook, ha sempre avuto la dicitura Facebook è gratis e lo sarà sempre” ma forse a quanto pare qualcosa è cambiato o qualcuno ha cambiato idea!

Infatti da meno di un mese, la homepage del social network non recita più la famosa scritta, appena citata, bensì la dicitura “È veloce e semplice”!
Si è passati da “It’s free and always will be” a “It’s quick and easy”.

Quindi che si fa?
Adesso che succede?
Facebook diventerà a pagamento?

Beh, sicuramente c’è qualcosa che bolle in pentola e questo passaggio non è casuale!

Il punto di partenza, per una qualsiasi analisi, è che la gratuità, nel mondo dei social network, è relativa. Se è vero infatti, che per aprire un account social o un indirizzo di posta elettronica non è richiesto alcun pagamento, è vero anche che per godere di servizi aggiuntivi o sbloccare funzioni extra spesso si è costretti a mettere mano al proprio portafogli.
Inoltre, la gratuità è spesso barattata con la raccolta dei nostri dati personali, delle nostre preferenze ed in generale con il tracking di ogni nostro comportamento sul web.
Pensiamo ad esempio al pixel di facebook o ai cookie, strumenti grazie ai quali si riescono a pianificare campagne pubblicitarie ad alto tasso di conversione.

 

Insomma niente è per niente!  Nemmeno i social network!

L’azienda di Menlo Park, sicuramente starà pianificando di offrire alcune funzionalità a pagamento, ad esempio Facebook Watch in modo da poter iniziare la propria competizione con i colossi dello streaming mondiale (es. Netflix) o la News Tab, sezione che sarà testata negli States, che presenterà contenuti editoriali in partnership con le testate giornalistiche.
Inoltre non è da sottovalutare la modifica alla policy dell’art.7 comma 11 che adesso recita “non garantiamo che la Piattaforma resterà gratuita per sempre”.

Concludiamo con la convinzione che ben presto, su qualsiasi social, ci si dovrà abituare all’idea di avere contenuti o funzionalità “premium”!

Se vi piace approfondire l’argomento, vi consigliamo di visitare la sezione BLOG del nostro sito web!

  • social media
  • comunicazione
  • facebook